La LEI e la sua Festa. Curiosità Hawaiane su una ghirlanda di fiori.

La LEI e la sua festa

Il mio calendario dice che oggi è il primo maggio e qui in Italia  è la festa dei lavoratori già da molti anni.
Fuso orario permettendo, anche alle isole Hawaii oggi è gran festa.
Nel primo giorno di maggio, ogni anno, si svolge alle Hawaii la tradizionale “Festa della Lei”, un evento simbolo della loro tradizione e cordialità.

“May Day is Lei Day in Hawaii Nei.”

Questa frase è di Don Blanding, scrittore e poeta e fu lui a suggerire per primo di dedicare una festa alla bellissima tradizione di creare ed indossare delle LEI.
Successivamente però, con Grace Tower Warren, anch’essa scrittrice, si decise di unire la festività del primo di maggio con la festa delle LEI.

Dall’antichità ad oggi

Questa tradizione viene celebrata da tempo immemore dai nativi Hawaiani, ma solo nel 1929 venne ufficializzata come festa nazionale e da allora, ogni anno, il 1° maggio in tutte le isole Hawaii, si celebra il festival ufficiale delle Lei.
I nativi Hawaiani hanno delle usanze meravigliose: per loro infatti, il LEI DAY viene considerato come un giorno ben augurale e di buon auspicio per tutti: ovunque oggi ciascuno viene accolto con una lei.
Alle Hawaii la LEI viene donata come simbolo di benvenuto o di congedo.

Ma cos’è una LEI?

Una LEI lei è una ghirlanda di fiori fatta a mano e grande più o meno come una grande collana.
Queste LEI, ghirlande, vengono generalmente realizzate con fiori di plumeria, di orchidea, con fiori di pesco, zenzero, gelsomini e solitamente la loro lunghezza è poco più di 45 cm.
Lascio all’ immaginazione di ognuno di noi, il poter sognare il profumo del fiore che più ci piace ed averlo addosso attraverso l’aroma naturale dei fiori freschi.
Anticamente la LEI fatta di “Malie” era considerata molto preziosa poiché simbolicamente indicava e rappresentava un segno di pace tra vari capi di opposte fazioni.

 

Lei Day

La Festa del May Day

Nella giornata odierna vengono organizzate in diversi luoghi di ogni isola  sfilate, spettacoli di arti varie, whorkshop di creazione e  confezionamento LEI e presentazioni di danza Hula.
Questi eventi, in genere  sono, nella maggiorparte dei casi, tutte manifestazioni gratuite ed aperte a tutti.
La giornata si conclude poi con l’elezione della Regina della LEI.

Tradizioni e usanze

Si racconta  sin dai tempi antichi che la tradizione voleva che, ogni viaggiatore che  lascia l’isola in cui ha soggiornato, deve gettar via nelle acque del porto  la LEI di congedo poco prima di ripartire.
Quando la LEI  abbandonata nelle acque ritornerà a riva, diventerà essa stessa il segno che quella persona un giorno tornerà sicuramente alle Hawaii.
Oggi, molti turisti lasciano una LEI al collo della statua del DUKE sul lungomare di WAIKIKI poco prima di ripartire dalle isole per avere la certezza di tornare ad O’AHU.
L’usanza di indossare le LEI risale ai tempi dei primi indigeni Hawaiani, i quali indossavano collane di foglie o felci, raccolte nelle foreste dopo aver richiesto l’autorizzazione agli dei.
A volte per creare queste ghirlande si utilizzavano corde a cui erano legate conchiglie, frutti o semi naturali e spesso anche piume per adornarle.
Se avete qualcuno che vi aspetta al vostro arrivo alle Hawaii sicuramente avrà per voi una lei come segno di benvenuto in questa splendida terra.
In caso contrario se arrivate da soli e non potete fare a meno d’indossarne una siate tranquilli: guardatevi un po’ intorno ed anche in  aereoporto ne troverete qualcuna in vendita in appositi distributori automatici.
Certo, non sarà la stessa cosa ma come primo impatto va benissimo!!
Vuoi sapere come creare una LEI?
Bene, seguimi, te ne parlerò in uno dei miei prossimi articoli!

Creazione di LEI, Lanciano 2014

 

Ti è piaciuto l'articolo? Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Don`t copy text!